Discorso del Dalai Lama al Centro Internazionale Sathya Sai di Delhi 3 gennaio 2004

La pace
Il Centro Internazionale Sathya Sai di Delhi ha inaugurato il nuovo anno con un discorso tenuto il 3 gennaio dal Dalai Lama. Il Dr. M.L.Chibbe, direttore del Centro, ha dato il benvenuto all ospite d onore ed al Dr. Karan Singh, eminente filosofo e statista, che ha presieduto la cerimonia. L auditorium era affollato al massimo della propria capacità, sebbene la giornata fosse una delle più fredde dell inverno in corso. Sua Santità il Dalai Lama ha parlato per quarantacinque minuti. Il Dalai Lama ha cominciato il discorso dicendo che la chiave per la pace consiste nella non-violenza e nella tolleranza, che in India rappresentano una tradizione vecchia di 7000 anni. Il Dalai lama ha così continuato: “Possiamo avere la pace solo se riusciamo a stabilire un attitudine di rispetto verso tutte le religioni, fedi e credenze che non sono le nostre. C è un fatto interessante che è importante sottolineare sulle grandi religioni mondiali: a livello filosofico fra di esse possono esistere apparenti differenze, ma a livello pratico non esiste differenza alcuna. Se studiamo l etica o la pratica sostenuta dalle varie fedi, non c è molta differenza. Tutte credono nei valori umani della Verità, della Non-Violenza, della Compassione, dell Amore e della Pace. Uno dei valori importanti è la Verità, che consiste nel percepire la Realtà per quello che realmente è. La Realtà può essere sperimentata nella sua pienezza esclusivamente se si ospitano solo emozioni positive e non negative. Non sarebbe corretto dire che non dobbiamo avere emozioni. Una persona senza emozioni è una persona senza sentimenti, secca, distante, fredda, non amichevole, negativa e viziosa. La cosa importante è non avere in sé emozioni negative. Le emozioni negative sono le emozioni immature, anguste e nebulose. Per esempio, l attaccamento e l odio sono due emozioni negative. Se una persona vede il mondo attraverso il prisma dell attaccamento, concluderà che ciò che essa stessa fa è giusto al 100%. Se invece si vede qualcun altro attraverso il prisma dell odio, si concluderà che ciò che l altra persona fa è sbagliato al 100%. Niente in natura è giusto o sbagliato al 100%. Una percezione di questo genere è una mera proiezione mentale, che distorce il nostro apprezzamento della Realtà, creando grandi problemi. Le emozioni positive sono emozioni mature, perché sono combinate con l intelligenza. L applicazione dell intelligenza porta all analisi ed all indagine. L analisi conduce alla convinzione. Disciplinare le emozioni porta ad una visione olistica della Realtà. Tutto è interconnesso. Se non si vedono l interconnessione e l interdipendenza, allora la visione è distorta. Esempi di emozioni positive sono la fede e la compassione, di cui si può essere imbevuti solo dopo essere passati per un allenamento di emozioni. La conoscenza conduce alla convinzione. La convinzione conduce alla determinazione. La determinazione porta alla familiarizzazione. La familiarizzazione porta al cambiamento delle emozioni. Il più grande tentativo da farsi è quello di cercare di avere una visione chiara, per vedere la Realtà per ciò che realmente è. Solo allora potremo risolvere il problema della vita. La coltivazione di emozioni positive e nobili ci conduce alla compassione, all accontentarsi, al perdono ed alla disciplina personale, che a loro volta producono la quiete della mente. Quando la mente non è agitata, essa può restare limpida ed avere una chiara visione della Realtà. Essa vede allora un problema per quello che è realmente e lo risolve con facilità. I problemi allora non avranno più la capacità di disturbare la pace della mente. Ma se la mente è debole, se viene facilmente assalita dalla paura e dai dubbi o da emozioni non controllate, troverà difficile affrontare gli ardui problemi della vita. La vita è destinata ad essere piena di problemi. Persino se non ci sono altri problemi, il corpo soffre per le malattie, il decadimento e la morte. Se i problemi sono una parte integrale della nostra esistenza, dobbiamo essere pienamente preparati ad affrontarli con calma, placidità e fortezza d animo. In questo processo di nutrimento del vostro Sé interiore, sarete aiutati se continuerete a rimanere nella tradizione spirituale e religiosa in cui siete nati. Sono felice di vedere che Bhagavan Sri Sathya Sai Baba ha detto che la Sua missione non consiste nel cercare di convertire persone delle altre tradizioni. Egli desidera che un buddista diventi un migliore buddista, che un musulmano diventi un musulmano migliore ed un indù, un indù migliore. Si deve essere seri e sinceri verso la propria fede. Questo genera un atmosfera di calma sia nell individuo che nella società. Le nostre esperienze interiori raggiungono dimensioni più profonde. Piuttosto spesso ho la sensazione di star recitando dei versi insegnatimi da bambino da mia madre e dai miei insegnanti. A volte mi sembra di recitare questi versi automaticamente, e non con tutto il cuore e tutta l anima. La recitazione allora diventa qualcosa di simile ad un peso. Ma poi mi rendo conto che questa pratica giornaliera, sebbene appaia monotona e ripetitiva, costruisce silenziosamente e senza sforzo le mie risorse interiori e la mia forza e mi aiuta a diventare un vero seguace di Budda. In questo pubblico è rappresentata una grande pluralità di fedi religiose. Questa realtà va accettata. L India ha sempre creduto nella non-violenza in termini di tolleranza di tutte le fedi. Gandhi fu un grande esempio di armonia interreligiosa. Era un indù praticante, ma aveva un profondo rispetto per le altre religioni. Anche Budda era un vero indiano, in questo senso. Egli studiò le fedi prevalenti in India a quel tempo e praticò molti sentieri indù. Dopo la sua illuminazione, insegnò le quattro nobili verità. La filosofia di Budda dell interdipendenza è un contributo unico alla filosofia mondiale. Il concetto di interdipendenza è egualmente vero nei campi dell economia, della politica, della difesa etc. Questo fornisce una visione più ampia ed olistica di ogni problema e ci porta più vicini alla realtà. Budda credette nel valore umano della Verità. Egli esortò i suoi seguaci a seguire la Verità. Quando egli annunciò le quattro nobili verità, analizzò anche la causa della sofferenza. La conclusione a cui arrivò fu che tutta la sofferenza è dovuta all ignoranza. Oggi alcuni politici creano dei problemi a causa del loro basso livello di consapevolezza. Hanno troppo attaccamento, che porta ad una visione corta e ristretta. Non si deve permettere che questi pochi individui distruggano una tradizione vecchia di 7000 anni di tolleranza ed armonia. Possiamo tutti vivere insieme e lavorare insieme, sia a livello individuale che sociale.” Il Dr. Karan Singh ha definito il discorso del Dalai Lama illuminante ed ha espresso la sua soddisfazione nel constatare una larga presenza di giovani fra il pubblico. Con tutta la malinformazione dilagante ovunque, ha riferito di essersi sentito rinfrescato da una tale cascata di conoscenza, visione interiore e saggezza.

shantij

Vedi Curriculum vitae