Patal Bhuneshwar -La grotta di Shiva in Himalaya -Tra miti e misteri indu’

i MISTERI DI PATAL BHUVANESHWAR

In uno dei miei numerosi viaggi in India nei quali ho raccolto un grande bagaglio esperienziale di emozioni e suggestioni in luoghi di elevata concentrazione energetica , tali da scaturire stati multidimensionale della coscienza , ho vissuto un’esperienza, densa di significati, nel regno del mistero, un lontano rifugio dalla natura ordinaria, delle prime credenze ed illuminazione indù nella grotta sotterranea di Patal Bhuvaneshwar che si trova nella regione dell’Uttarakhand in Himalaya. A circa 100 km da Jageshwar nel distretto di Pithoragarh con la vista delle maestose vette innevate di Nanda Devi, Nandaghunti e Panchachuli Lord Shiva risiede in questa grotta e tutti gli altri dei e dee vengono qui per adorarlo. Intorno all’822 d.C., Adi Shankaracharya arrivò in questa grotta e stabilì uno Shivalingam, per Lord Shiva. Questo è il luogo in cui cadde la testa mozzata di Lord Ganesha e il resto, come sappiamo, è leggendario. In una delle pareti è scolpita un’antica scritta che diceva appunto: “Si ritiene che questa fantastica grotta sia antica quanto la terra stessa”. esplorando questa oscurità che un tempo, chissà, i dinosauri, l’alca impenne, i mammut oi leoni dai denti a sciabola camminavano o si rifugiavano in questa grotta! Ma tutto ciò che si conosce è quanto la storia tramanda circa i grandi avvenimenti dell’antica saga indù Questa grotta lunga 160 mt, 1350 m sopra il livello del mare non è solo una grotta, ma una serie di grotte in una grotta. Si snoda a 90 m di profondità nel punto di ingresso che abbraccia la prima eccitazione della ricerca. Patal Bhuvaneshwar è un luogo di pellegrinaggio dove i devoti del Dio Shiva lo venerano con tutto il cuore. generazioni di pellegrini, credono che la grotta sotterranea sia collegata al Monte Kailash, la dimora del Signore Shiva. Si dice che la grotta fosse un tempo un passaggio utilizzato dai Pandava dal più famoso poema epico “Mahabharata” per meditare e rendere omaggio al Signore Shiva durante le loro ultime visite in Himalaya. Una certezza sconcertante è che ogni dio o dea abita a Patal . Sono incantata dai prolifici dintorni sopra il complesso prima di scendere la rampa di gradini in pietra che conduce all’ingresso. Le catene di ferro sono fissate lungo la discesa nei tunnel di roccia con curve a gomito, per aggrapparsi con le mani in sicurezza e presa. Guidata da un bramino, custode del tempio situato nell’atrio antistante, inizia la mia entrata valicando una porticina alta circa 70 cm per vedere all’interno le maestose strutture e le meraviglie di questo santuario di stalattiti e stalagmiti di varie forme che rappresentano il panteismo simbolico delle divinità induiste. L’atmosfera che circonda questa grotta calcarea è fiabesca!!!Swmbra di essere in una foresta incantata..e l’energia che si respira è elettrizzante. L’estensione è completamente illuminata con luci elettriche che aiutano il viandante ad assaporare ogni episodio di meraviglie .
QUAL È LA STORIA DI PATAL BHUVANESHWAR?
Chatur Yuga o un ciclo di quattro periodi principali nelle credenze della cosmologia indù è classificato come Satya Yuga, Treta Yuga, Dvapara Yuga e Kali Yuga. Fu allora durante il Treta Yuga, che il re Rituparna della dinastia del Sole fece la prima scoperta umana di Patal Bhuvaneshwar. Durante il suo regno, il re Nala venne a cercare il suo aiuto per sfuggire alla prigionia di sua moglie, la regina Damayanti, risultante da un combattimento sconfitto. Mentre Ritupurna portava il re in difficoltà nella foresta dell’Himalaya, individuò un affascinante cervo che scomparve nei boschi.
Poco dopo, sognò il cervo per non cacciarlo e fargli del male. In una ricerca per trovarlo, si imbatté in una guardia che pattugliava una grotta. Gli chiese di farlo entrare e la guardia acconsentì. All’ingresso, fu accolto da Sheshnaag, il re dei serpenti, e assistito. Mentre passavano lungo la caverna, rimase sconvolto da ciò che vide: tutti i 33 Koti o 33 tipi di semidei, dei e dee nelle loro forme maestose e più stordito dalla presenza di Lord Shiva nella sua manifestazione imperiale.
Dopo la visita del re Rituparna , la grotta è stata chiusa e nascosta nel tempo, si prevedeva che sarebbe stata scoperta solo nella fase del Kali Yuga. Abbastanza presto, nel 1191 d.C., la grotta fu scoperta da Adi Shankaracharya e da allora si è evoluta nel periodo moderno del pellegrinaggio o yatra.
Bhuvaneshwar. Come si suol dire, questo è anche un luogo in cui Lord Shiva ha decapitato senza pensarci suo figlio, Lord Ganesha. Lo resuscitò con la testa di un elefante e lo ribattezzò Vighnaharta, che significa rimozione degli ostacoli. Le formazioni di pietra di Sheshnaag e di altri dei mitici in un pantheon sotterraneo dalle caratteristiche e forme affascinanti.
All’interno delle meravigliose arene, si esegue la meditazione per l’illuminazione spirituale e sperimentare le benedizioni divine.


Testimonia la famosa iscrizione di Manaskhanda, Skandapuran in uno dei suoi 800 versi. ‘Chi vuole sentire la presenza di eterna potenza dovrebbe venire al sacro Bhuvneshwar situato vicino alla confluenza del Ramganga, Sarayu e Gupt-Ganga.’

shantij

Vedi Curriculum vitae

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.