Camminiamo insieme per incontrarci e raccontare di Roberta Osso

Come i cantastorie narriamo di antiche saghe, di antiche storie, sui tre confini. Dalla Provenza alla Slovenia, dal Tirolo alla Val d’Aosta le tradizioni ci parlano in ugual modo di Uomini Selvatici – come l’Uomo del Tempo degli Sbilfs della Carnia, l’Uomo del Bosco, Salvan, Salvadi, Selvadego, Saltus; di Donne Selvatiche – come la Bregostana, Silvana, Krivapeta; di Dee Triplici – la Dea Madre della Terra e del Mare e delle sue due Figlie, il Sole e la Luna – e di Dei dall’aspetto trino come il dio dei Celti Tarvos Trigaranos, lo slavo Triglav.
Cambiano i luoghi e a volte un po’ i nomi ma qualcosa unisce popoli e terre lontane.
Ci accorgiamo così che i confini non esistono, che le nostre radici culturali affondano in un terreno comune, nella foresta e nella montagna, che la nostra religione primigenia onorava il sacro in ogni cosa perché sacra era la vita in tutte le sue forme, sacra la montagna e la natura in tutte le sue manifestazioni, saggi erano gli uomini e le donne che conoscevano il linguaggio della natura e prevedevano le piogge, le valanghe, il bello e il cattivo tempo per vivere meglio nel rispetto dell’ambiente circostante.

Roberta Osso, storica. Studiosa delle connessioni tra rito-simbolo-geometria e fisica quantistica. Vive e lavora in Friuli Venezia-Giulia e in Trentino Alto Adige. Si occupa del risveglio del femminile e della sessualità attraverso percorsi di accompagnamento individuale, seminari, cerchi di condivisione, conferenze e attraverso i suoi scritti. Ha pubblicato: La prostituzione sacra, ed. Multiversum 2004 – tradotto anche in tedesco Die Heilige Prostitution;
Il risveglio del femminile. Per una nuova visione. ed. Kappa Vu 2005
Don Chisciotte era una donna. ed. Senaus 2006
Scrive per la rivista Mitteleuropa

shantij

Vedi Curriculum vitae

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.