XVIII Meeting del Mandir della Pace ad Assisi sett. 2015

Settembre 2015- Immagini del  meeting”L’Oriente incontra l’Occidente sul sentiero francescano per una civilta’ di Pace” che si svolge annualmente  ad Assisi dal 1998

Comunicato stampa
XVIII edizione dell’incontro: “L’Oriente incontra l’occidente sul sentiero francescano per una nuova civiltà della pace”. Appuntamento dal 4 al 6 settembre 2015 in Assisi- hotel Casa Leonori
L’iniziativa, promossa dalla Fondazione no profit “Il Mandir della Pace “, prevede conferenze , tavole rotonde , proiezioni di documentari, rassegna di arti visive, ma anche momenti di spettacolo(danza, musica e poesia), ,ad opera di qualificati esponenti del mondo scientifico, medico, giornalistico, religioso, artistico e culturale che si alternano per sviluppare tematiche di Pace, di solidarietà, nel rispetto dei diritti umani per una Cooperazione tra popoli d’Oriente ed Occidente ..
“Il sottotitolo ”il risveglio della consapevolezza: tutto è Uno ” – spiega l’organizzatrice Gabriella Lavorgna – pres. della Fondazione, sta a significare che la vita umana è un viaggio per ritrovare la propria identità , quale goccia di un unico oceano, confrontandosi con la diversità con la quale ci si esprime , sperimentando i molteplici aspetti dell” Unità” ,un invito quindi a guardare oltre le frontiere delle apparenze, che gli uomini sono abituati a porre, delimitando i territori dei propri obiettivi. “L’Oriente incontra l’Occidente” ancora una volta per fare luce, senza pregiudizi ideologici o religiosi, con lo spirito di operare una sintesi utile al superamento degli schemi attuali per una maturazione collettiva”. Un incontro per guardare dentro se stessi, travalicando l’aspetto culturale, per divenire processo evolutivo interiore tra i nostri opposti in quanto vivere alternativamente gli aspetti di questa realtà bipolare ha comportato grandi conflitti ideologici mentre l’integrazione degli stessi oggi è alla base della Scienza per una nuova Coscienza.
La manifestazione ,patrocinata dal Comune di Assisi e dalla Amministrazione Comunale di Valfabbrica(PG,) si attiva tramite le forze di volontariato, usando i canali dell’Arte, della Cultura e della Comunicazione, che, trascendendo le barriere di ogni credo e razza, offrono spontaneamente e gratuitamente la loro partecipazione, proponendosi di contribuire al risveglio ed alla diffusione della consapevolezza, oggetto di sviluppo di una cultura di Pace.
Il programma del meeting perseguendo le finalità istituzionali del “Mandir” pone in evidenza, come motore dinamico:
– Il percorso evolutivo tra Scienza e Co-Scienza, alla luce di nuovi paradigmi scientifici, esplorando il mistero della vita, della mente e dello spirito, per far comprendere come l’integrazione tra Scienza esatta e Scienza analogica corrisponda al superamento della barriera tra Ragione e Intuizione;
-Il Rapporto Uomo- Natura- Ambiente, basato sul concetto di correlazione Corpo- Mente-Spirito, per determinare nuovi orizzonti nel campo medico, ecologico- ambientale,
– Etica/Economia – Scuole di Educazione alla Pace / Insegnamento dei Valori Umani, ove si evidenziano le basi per personificare nuovi modelli socio-economici di Pace
– Il Dialogo di pace tra fedi e culture, forum interreligioso che prevede la partecipazione di rappresentanti di differenti comunità spirituali, per testimoniare espressioni di un unico sentire.
-l’incontro di Artisti di Pace sui “I sentieri dell’anima da Oriente ad Occidente”, un viaggio etnospirituale tra emozioni diverse, presentato dal Direttore Artistico Rocco Milano, Pres.Art Planet, per determinare nuovi orizzonti di dialogo di Pace tra differenti fedi e culture, attraverso il linguaggio dell’Arte, della cultura e della musica con cui s’intende comunicare specificamente tramite suoni, colori, luci e immagini di altissimo valore spirituale, l’idea di Unità, presentando le visioni della mente oltre il tangibile, nonché le combinazioni simboliche che possono scaturire dall’incontro tra Arte e pensiero
Al termine del Meeting , con la partecipazione e di autorità civili e religiose, verrà assegnato il premio ” Mandir per la Pace”, per significare un segno di riconoscimento, a personaggi distintisi nel campo dell’Arte, della Comunicazione, della Cultura al servizio della Famiglia Umana .
Illustri ospiti del Meeting , cui verrà dato questo riconoscimento, saranno l’attrice, scrittrice, Martine Brochard e il musicista internazionale sufi Nour Eddine Fatty

Rapporto Meeting ASSISI 2015
Si è conclusa con reiterato successo la XVIII edizione del meeting, ”L’Oriente incontra l’Occidente per una Nuova Civiltà di Pace”, promossa dalla Fondazione “Il Mandir della Pace”, rete internazionale di volontariato culturale, sociale e umanitario, fondata da Maria GabriellaLavorgna, svoltasi in Assisi, nell’area del sentiero francescano ,con il patrocinio del Comune di Assisi, in cui Arte, ecologia, scienza , etica, economia e Dialogo interreligioso hanno determinato nuovi parametri per lo sviluppo di una cultura di pace. Un appuntamento di ampio significato etico spirituale, che ha scelto per il suo svolgimento, la citta’di Assisi che ricopre il ruolo imponente di capitale mondiale di pace e cristianità, ‘’L’Oriente incontra l’Occidente per una nuova civilta’di Pace‘’, questo il nome dell’evento che nasce proprio nella cittadina francescana nel 1998, considerata universalmente simbolo di ecumenismo e di Amore tra popoli di differenti fedi, razze e culture, si pone l’obiettivo di avviare un dialogo costruttivo tra due mondi… ma anche tra due emisferi… quelli celebrali, apparentemente antitetici, per giungere ad una integrazione propositiva e cooperativa delle due polarità: razionale ed intuitiva, come generatori di una identità più armoniosa dell’individuo e delle società ,nell’ottica della visione olistica di Unita’ nella diversita’,attraverso azioni sinergiche di confronto e dialogo .L’evento, sostenuto e partecipato da forze di volontariato, attraverso sezioni convegnistiche e qualificati relatori , ha offerto un importante momento di riflessione e di maturazione sia individuale che collettiva ponendo al centro dell’attenzione proprio l’osservazione di Francesco , del suo comportamento in qualità di guida di un atteggiamento che deve mirare alla fratellanza come monito di raggiungimento della pace con gli altri e prima ancora con se stessi e da qui la scelta non casuale dello svolgimento dell’evento nella sua patria, Assisi. Molteplici sezioni si sono alternate , in partenza quella dedicata all’Arte ed alla spiritualità “Il messaggio vivente nella pittura multidimensionale”, caratterizzata da una rassegna di Arti visive,con la presenza dei poliedrici artisti Pietro Sarandrea, Michelangelo Magnus, MijrianaSara Sofia,un momento curato dalla direzione artistica della D.ssa Patrizia Patti,Pres. dell’Ass.neAsceticSign, che ha illustrato tra l’altro la struttura archeologica del Monastero francescano della Scarzuola per la sua ricchezza di simbolismi, espressione di messaggi spirituali criptici attraverso l’Arte.A seguire l’incontro “Medicina e spiritualità del ben-essere”,con l’intervento di naturopata ,operatori e medici olistici, Roberto Mazzeo,il maestro di Reiki Dr. GiuseppeZanella,il maestro di spiritualita’essenaAlainContaret, ArleenSidhe, terapeuta del suono e della musica con i suoi canti diLuce,e la tavola rotonda sul tema ‘’Sessualita’ eSpiritualita’’ condotta dallo psicoterapeuta Dr. Raffaele Cavaliere,e dalla Prof.ssa Caterina Luisa Decaro. Nella sezione dedicata agli Incontri di Etnoscienze, con il tema “Culture a Confronto Tra Oriente e Occidente nel significato archetipo del simbolismo“ ,partecipata dai relatori Dr. Aldo Civitillo , la Prof.ssa Anna Manfredi, l’Avv. Massimo Colangelo, in cui sono state evidenziate le importanti conseguenze del rapporto uomo/terra ed uomo/cielo ,vissute nei luoghi di “potere” a forte concentrazione energetica, con il delicato compito di riconoscere il significato archetipale dei simboli per condurre l’umanità in un contesto più ampio di conoscenza spirituale e per ‘’Comprendere i segreti dell’Universo’’ tra storia, letteratura e mistero. L’Oriente incontra l’Occidente con la sezione Uomo, Natura, Ambiente ha argomentato la centralita’ dell’ Essere Umano ed il rapporto tra lo stesso e l’ambiente in stretta connessione di come il comportamento del primo influenzi lo spazio dove lui vive, per un mondo etico e sostenibile ,con l’approccio sistemico alla sostenibilità individuale, nel dispiegamento della tavola rotonda “Cun tuctae lecreature”, rispecchiando il messaggio francescano, in cui il tema ricorrente e’stato l’analisi delle conseguenze dello sfrenato individualismo sull’ecosistema ,evidenziando altresi il concetto che alla base dell’ecologia c’è la visione olistica dell’uomo illuminata dalla sua natura spirituale che lo ricongiunge alla vera essenza della vita. Ad animare il dibattito hanno partecipato qualificati esponenti di valente professionalità nel settore ecologico ambientale ,tra cui l’Ing. Marco Bresci con i suoi preziosi suggerimenti per la gestione etica delle risorse e dell’energia, il docente di insegnamenti Esseni Alain Contaret, il Dr. Franco Sammaciccia, Pres.del Comitato tecnico -scientifico delle discipline bionaturali della Regione Lombardia, Francesco Pandolfi Balbi che ha illustrato con Fabiana Domenichetti il suo progetto Fire quale punto di riferimento per riconoscersi, incontrarsi, unire i buoni sentimenti allo scopo di costruire fattivamente Armonia,L’Avv. Vittorio Marinelli che ha circostanziato i requisiti etici e terapeutici dell’alimentazione vegetariana , quale utile strumento per sviluppare una cultura di Pace, in corrispondenza del messaggio francescano nell’esprimere l’Amore per tutte le Creature.La sezione Scienza, Conoscenza perl’evoluzione della nuova coscienza e’stata determinata dalla tavola rotonda sul tema “L’evoluzione psichica e spirituale della coscienza umana: il risveglio della consapevolezza come varco al salto quantico multidimensionale, condotta dalla psicoterapeuta ,Dr.ssa Maria Consiglia Santillo, e partecipata dai relatori: la giornalista e scrittrice Manuela Pompas, gli psicoterapeuti Dr. Ulisse Di Corpo e il Dr. Raffaele Cavaliere che hanno evidenziato la natura spirituale dell’uomo nell’ottica della scienza vedica, interpretandola nella dottrina del Karma e nel concetto di Reincarnazione ,relativa alla casualita’degli eventi, una chiave di lettura su quanto sia attribuibile o meno al libero arbitrio dell’individuo o alla predestinazione degli stessi. L’Ing.Mijriana Sara Sofia ha evidenziato, attingendo alla fonte di antiche dottrine, come la geometria sia il linguaggio base tra gli Esseri dell’Universo , tramite il terzo occhio con il quale la ghiandola pineale si esprime e comunica, in stretto collegamento con il DNA. E sempre in linea con il filo conduttore della sezione Scienza\Spiritualita’si sono espressi i relatori Michelangelo Magnus, autore del saggio ’’Arte, simboli e parole nel linguaggio segreto della noetica radionica, quale fondamento della magia’’, ovvero come i nomi determinano il destino, quindi Fabrizio Bosio, docente di psicoastrologia evolutiva nelle relazioni interpersonali, e la numerologa Rita Faccia nell’interpretazione del significato del numero nel proprio destino.“I sentieri dell’anima tra Oriente e Occidente: un viaggio tra emozioni diverse, Il concerto/spettacolo di musica etnospirituale, con finalità filantropiche ,coordinato dal direttore artistico Rocco Milano,Pres.Ars Planet ha avuto lo scopo di rappresentare tramite gli artisti partecipanti, ai quali e’stato conferito un riconoscimento di Artista di Pace, una sorta di itinerario musicale da Oriente a Occidente di differenti culture mirante ad esaltare il concetto di “Unità nella diversità” e gli ideali di pace globale ,attraverso il linguaggio dell’Arte, della cultura e della musica con cui si e’inteso comunicare specificamente tramite suoni, colori, luci e immagini di altissimo valore spirituale, presentando le visioni della mente oltre il tangibile, nonché le combinazioni simboliche che possono scaturire dall’incontro tra Arte e pensiero; Danze orientali ,interpretate magistralmente dalla danzatrice di Bharatanatyam Luciana Frenguellotti e Natascia Ghirelli, performances che hanno trasmesso il millenario messaggio di antiche culture e la magia dei templi indiani, che ben configurano, per la loro alchimia in movimento, estro di Universalita’; Nell’omaggio a Francesco dell’Amore Universale hanno figurato , inoltre, artisti come: il flautista Andrea Ceccomori, Presidente dell’Associazione Assisi suono sacro, le accademiche artiste Ilaria Longobardi, Denise Barberi, AmilyGualtieri, la cantautrice Giulia D’Alessio, la poetessa scrittrice Antonella Pagano che hanno cantato, recitato e suonato i loro inni su tematiche di Pace, nonviolenza e fratellanza Universale. Agli Illustri ospiti , quali NourEddineFatty, musicista internazionale etnospirituale di tradizione sufi, e l’attrice francese , scrittrice Martine Brochard, e’ stato conferito dalla omonima Fondazione il premio ‘’Mandir della Pace’’,consistente in una scultura riprodotta in dimensioni ridotte della statua originale di Francesco dell’Amore Universale, posizionata all’Eremo delle Carceri di Assisi, la cui iconografia reca sulla sua aura i simboli delle 5 religionipiu’note, con gratitudine per il loro impegno morale , dedicato allo sviluppo di una cultura di Pace, tramite i canali dell’Arte e della Comunicazione.L’arte, dunque, intesa come simbolo di pace tra tutti i Continenti che riporta l’uomo alle origini e dentro i grandiosi monumenti viventi che sono i testi sacri delle grandi religioni e in quelli laici della cultura da Oriente ed Occidente. La giornata conclusiva ha visto protagonista la sezione Etica, Economica e di riferimento ai Valori Umani con la presenza alla tavola rotonda degli economisti Prof.Giovanni Luigi Manco,l’avv.Massimo Colangelo ,l’Avv. Vittorio Marinelli, Pres.European Consumers,il Prof. AntonioSacca’, che hanno posto in evidenza riflessioni, idee e contributi per risolverein maniera etica i problemi economici e sociali per una migliore qualita’della vita, cui ha fatto seguito la tavoIarotonda ‘’Verso una nuova pedagogia: la scuola dell’Armonia umana’’condotta dalla psicopedagogista Dr.ssa Eleonora Mingoia, partecipata dalle relatrici Maria Grazia Abbamonte, psicoterapeuta e scrittrice, e dall’insegnante Rosalba Allevi per elaborare nuove riflessioni attorno alla vita umana e all’educazione. La fase conclusiva del Meeting e’ stata rappresentata da una tavola rotonda concernente un dialogo di pace tra differenti fedi e culture , in particolar modo riferita al tema della crisi a livello mondiale, condotta dalla studiosa di storia delle religioni prof.ssa Anita Tosi, con la partecipazione dell’Imam di Perugia Dr.Abdel Kader Mohammad, ilProf.Arie’ BenNun, rabbino israeliano, il Dr. Alessandro D’alessandro, rappresentante del Movimento internazionale buddista della Soka Gakkai. Tante le testimonianze di “operatori di Pace”, che hanno fornito gli elementi per determinare il percorso per lo sviluppo di una nuova “Coscienza”, integrate dalle voci illuminanti di qualificati maestri di spiritualita’.La Fiaccola, simbolo Gandhiano di pace, realizzata dalla Fondazione “Mandir della Pace”, recante i simboli delle 5 religioni più note, ha illuminato l’evento con il suo faro di luce, ponte di dialogo tra popoli tra Oriente e Occidente, trasmettendo “da cuore a cuore” il senso dell’unità nella diversità.
GabriellaLavorgnaPres.Fondazione IlMandirdella Pace
www.shantimandir.eu

shantij

Vedi Curriculum vitae